Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Medical Meeting
Neurobase.it

Warning dell’FDA: rischio di fratture con Canagliflozin, un farmaco per il diabete appartenente alla classe degli inibitori SGLT2


L’FDA ( Food and Drug Administration ) ha rafforzato il Warning ( avvertenza ) per Canagliflozin ( Invokana, Invokamet ) riguardo al maggiore rischio di fratture ossee.

La sezione Adverse Reactions della scheda tecnica del prodotto a base di Canagliflozin aveva già menzionato il rischio di fratture ossee.
Ora, sulla base di nuove informazioni di numerosi studi clinici, l’FDA ha aggiunto ulteriori informazioni.
Negli studi, le fratture che hanno interessato le estremità superiori, si sono verificate già a partire da 3 mesi dopo l'inizio dell’assunzione del farmaco, e in genere si sono presentate dopo un trauma minore.

L’FDA ha anche aggiunto nella scheda tecnica nuove informazioni sulla diminuzione della densità minerale ossea a livello dell'anca e della colonna vertebrale del tratto inferiore.

Gli operatori sanitari sono stati invitati dall’Agenzia regolatoria degli Stati Uniti a prendere in considerazione i fattori che contribuiscono al rischio di fratture prima di iniziare il trattamento con Canagliflozin, e di informare i propri pazienti.

Il nuovo avviso di possibili fratture si basa sui dati raccolti da nove studi clinici con una media di 85 settimane di esposizione a Canagliflozin; i tassi di incidenza di fratture ossee erano tra 1.1 e 1.5 per 100 anni-paziente di esposizione.

I dati sulla densità minerale ossea provenivano da uno studio di sicurezza post-marketing richiesto dalla FDA che ha coinvolto 714 pazienti anziani con diabete mellito di tipo 2 ( età media, 64 anni, range 55-80 anni ).
A 2 anni, i pazienti randomizzati a Canagliflozin 100 mg e 300 mg hanno presentato riduzioni, rispetto al placebo, della densità minerale ossea, misurata mediante assorbimetria a raggi x a doppia energia, rispettivamente dello 0.9% e 1.2%, a livello dell'anca, e di 0.3% e 0.7%, a livello della colonna lombare.

Inoltre, diminuzioni dello 0.1% della densità minerale ossea, corretta per il placebo, sono state viste al collo del femore per entrambe le dosi di Canagliflozin, e dello 0.4% all’avambraccio distale per i pazienti che avevano assunto la dose di 300 mg ( ma nessun cambiamento è stato riscontrato all’avambraccio distale con la dose da 100 mg ).

L’FDA sta valutando il possibile rischio di fratture ossee per gli altri inibitori SGLT2 ( co-trasportatore sodio-glucosio di tipo 2 ) tra cui Dapagliflozin ( Farxiga, Xigduo XR ) ed Empagliflozin ( Jardiance, Glyxambi, Synjardy ), per determinare se sono necessari cambiamenti della scheda tecnica o studi aggiuntivi.
La scheda tecnica di Farxiga menziona un piccolo numero di casi di fratture in pazienti con insufficienza renale, mentre nella scheda tecnica di Jardiance non vengono menzionati effetti a livello osseo.

Gli inibitori SGLT2 aumentano le concentrazioni di fosfato nel siero, probabilmente attraverso un maggiore riassorbimento tubulare, che può influenzare negativamente l'osso.

Inoltre, gli inibitori SGLT2 aumentano le concentrazioni di ormone paratiroideo ( PTH ). Gli aumenti sostenuti della concentrazione di PTH aumentano il riassorbimento osseo con un incremento del rischio di fratture ossee.

Sebbene Canagliflozin causi un piccolo aumento della concentrazione media di PTH ( 7.9% ), la deviazione standard è grande; un numero importante di pazienti trattati con Canagliflozin può avere un aumento del 50% o superiore nelle concentrazioni di PTH. Un cambiamento che potrebbe essere clinicamente significativo. ( Xagena2015 )

Fonte: FDA, 2015

Endo2015 Farma2015


Indietro