Farmaexplorer.it
XagenaNewsletter
Medical Meeting
Xagena Mappa

Venclyxto più Gazyvaro per gli adulti con leucemia linfatica cronica non precedentemente trattata


La Commissione europea ha approvato Venclyxto ( Venetoclax ) in associazione con Gazyvaro ( Obinutuzumab ) per il trattamento dei pazienti adulti con leucemia linfatica cronica ( CLL ) non-trattata in precedenza.

L'approvazione si basa sui risultati dell'analisi primaria dello studio cardine di fase III CLL14, che ha valutato la combinazione di Venetoclax a durata fissa di 12 mesi più Obinutuzumab rispetto a Obinutuzumab più Clorambucile negli adulti con leucemia CLL precedentemente non-trattata che avevano coesistenti condizioni mediche.

I risultati dell'analisi primaria hanno mostrato che la combinazione di Venetoclax più Obinutuzumab ha portato a una riduzione del 65% del rischio di peggioramento o morte della malattia ( sopravvivenza libera da progressione [ PFS ] valutata dagli sperimentatori ) rispetto a Obinutuzumab più Clorambucile, uno standard terapeutico per la leucemia CLL ( hazard ratio, HR = 0.35; IC 95% 0.23-0.53; p inferiore a 0.0001 ).
Quando la sopravvivenza PFS è stata valutata da un Comitato di revisione indipendente, questo risultato è stato confermato.
Venetoclax più Obinutuzumab ha anche mostrato tassi di risposta ( ORR ) più elevati; ha raddoppiato i tassi di risposta completi ( CR/CRi ) e ha dimostrato tassi più elevati di negatività di malattia residua minima ( MRD ).
Nel sangue periferico, i tassi di negatività di MRD erano del 76% per Venetoclax più Obinutuzumab rispetto al 35% per Obinutuzumab più Clorambucile e nel midollo osseo i tassi di negatività di MRD erano del 57% contro il 17%, rispettivamente.
I risultati di un'analisi di efficacia aggiornata ( con un follow-up mediano di 40 mesi ) erano coerenti con i dati primari e hanno mostrato che la combinazione ha ridotto il rischio di peggioramento della malattia o morte del 69% rispetto a Obinutuzumab più Clorambucile ( HR = 0.31; IC 95% 0.22-0.44 ).
La sicurezza di Venetoclax più Obinutuzumab è risultata coerente con il profilo di sicurezza noto dei singoli medicinali e non sono stati identificati nuovi segnali di sicurezza con l'associazione.
Gli eventi avversi più comunemente riportati nelle persone trattate con Venetoclax più Obinutuzumab sono stati un basso numero di globuli bianchi ( neutropenia ), diarrea e infezione del tratto respiratorio superiore.
I risultati dello studio CLL14 hanno ulteriormente dimostrato il potenziale di Venetoclax su più linee ( nel setting R/R [ recidiva / refrattarietà ] e in prima linea ) nella leucemia linfatica cronica.

CLL14 è uno studio randomizzato di fase III che ha valutato la combinazione di Venetoclax più Obinutuzumab a durata fissa rispetto a Obinutuzumab e Clorambucile in pazienti adulti con leucemia linfatica cronica non-trattata in precedenza e condizioni mediche coesistenti.
432 pazienti con leucemia linfatica cronica precedentemente non-trattati sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Venetoclax per una durata di 12 mesi con Obinutuzumab per 6 mesi ( braccio A ) oppure Obinutuzumab per 6 mesi assieme a Clorambucile per 12 mesi ( braccio B ).
Il braccio A è stato iniziato con un dosaggio iniziale di Obinutuzumab seguito da un aumento della dose di Venetoclax di 5 settimane per aiutare a ridurre il rischio di sindrome da lisi tumorale.
L'endpoint primario dello studio è rappresentato dalla sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) valutata dallo sperimentatore. Gli endpoint secondari includono la sopravvivenza PFS valutata dal Comitato di revisione indipendente, lo stato di malattia minima residua, il tasso di risposta globale, il tasso di risposta completo ( con o senza recupero completo dell'emocromo ), la sopravvivenza globale, la durata della risposta, la sopravvivenza senza eventi, il tempo al prossimo trattamento e la sicurezza.
Le reazioni avverse più comuni ( maggiori o uguali al 20% ) con Venetoclax più Obinutuzumab sono state: bassa conta dei globuli bianchi ( neutropenia ), diarrea e infezione del tratto respiratorio superiore.
Gli eventi avversi gravi più comuni nelle persone trattate con Venetoclax più Obinutuzumab sono stati: neutropenia febbrile, polmonite, infezione da infusione e piressia.

Venetoclax è un farmaco mirato progettato per legare e inibire selettivamente la proteina BCL-2.
In alcuni tumori ematologici e altri tumori, BCL-2 si accumula e impedisce alle cellule tumorali di morire o autodistruggersi, un processo chiamato apoptosi.
Venetoclax blocca la proteina BCL-2 e favorisce il ripristino del processo di apoptosi.

Obinutuzumab è un anticorpo monoclonale ingegnerizzato progettato per legarsi al CD20, una proteina espressa su alcune cellule B, ma non su cellule staminali o plasmatiche.
Obinutuzumab è progettato per attaccare e distruggere le cellule B bersaglio sia direttamente che insieme al sistema immunitario dell'organismo.

La leucemia linfatica cronica è il tipo più comune di leucemia nel mondo occidentale; colpisce principalmente gli uomini; l'età media alla diagnosi è di circa 70 anni.
In tutto il mondo, l'incidenza di tutte le leucemie è stimata in oltre 400.000, con un'incidenza di oltre 100.000 in Europa. ( Xagena2020 )

Fonte: Roche, 2020

Emo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro