Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Medical Meeting
Farmaexplorer.it

Tumori rari: Pazopanib efficace nel sarcoma metastatico dei tessuti molli non-adipocitico


L’Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA ( Food and Drug Administration ) ha approvato Pazopanib ( Votrient ), un inibitore orale dell'angiogenesi multi-bersaglio, nel trattamento dei pazienti con sarcoma metastatico dei tessuti molli, sottoposti in precedenza a chemioterapia.

Più di 20 sottotipi di sarcomi sono stati inclusi nello studio clinico che ha portato all'approvazione, ma sono stati esclusi i tumori stromali gastrointestinali e i sarcomi adipocitici.

I sarcomi dei tessuti molli rappresentano un insieme di neoplasie maligne che iniziano nel tessuto muscolare, tessuto adiposo, tessuto fibrotico, e in altri tessuti. Sono rari.
La comprensione biologica di questi tumori è limitata a causa di una scarsità di modelli preclinici e di linee cellulari per una valutazione in laboratorio.
Negli Stati Uniti, ogni anno si verificano circa 10.000 casi di sarcoma dei tessuti molli.

La sicurezza e l'efficacia di Pazopanib come trattamento di seconda linea o linee successive è stata valutata nello studio PALETTE, uno studio multicentrico, internazionale, in doppio cieco, placebo-controllato, che ha coinvolto 369 pazienti ( 246 nel gruppo Pazopanib, 123 nel gruppo placebo ) con sarcoma metastatico dei tessuti molli, non-trattato con antracicline.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Pazopanib 800 mg una volta al giorno oppyre placebo fino alla progressione del tumore.

Lo studio era stato progettato per misurare la sopravvivenza libera da progressione.
E’ emerso che Pazopanib in modo significativo prolunga la sopravvivenza libera da progressione della malattia.

I pazienti trattati con Pazopanib hanno presentato una mediana di sopravvivenza libera da progressione di 4.6 mesi, rispetto a 1.6 mesi per quelli che ricevevano il placebo ( HR=0.31, p inferiore a 0.0001 ).

I pazienti eleggibili per lo studio avevano almeno 18 anni di età ( età mediana: 56 anni ), ed erano affetti da sarcoma dei tessuti molli metastatico, dimostrato istologicamente, naive agli inibitori dell’angiogenesi.

Quando i risultati dello studio PALETTE sono stati presentati all’Annual Meeting dell'American Society of Clinical Oncology ( ASCO, 2011 ), l'analisi ad interim per la sopravvivenza globale ha evidenziato un miglioramento statisticamente non-significativo di Pazopanib, rispetto al placebo ( mediana: 11.9 vs 10.4 mesi, HR=0.83 ).
Anche dopo aggiornamento questi dati non sono risultati significativi (12.6 vs 10.7 mesi ).

Gli effetti indesiderati più comuni tra i pazienti trattati con Pazopanib sono stati: affaticamento, diarrea, nausea, perdita di peso, mal di testa, un alterato senso del gusto, mancanza di respiro, alti valori pressori, perdita di appetito, vomito, dolore muscolare, e scolorimento della pelle.

La scheda tecnica di Pazopanib contiene un boxed warning riguardo al potenziale rischio di epatotossicità, che può essere anche fatale.
I pazienti devono essere monitorati per la funzionalità epatica e il trattamento deve essere interrotto in caso di riduzione della funzionalità epatica.

A Pazopanib è stato concesso uno status di farmaco orfano per questa indicazione.
La qualifica di medicinale orfano viene assegnata, negli Stati Uniti, a farmaci destinati al trattamento di una malattia che colpisce meno di 200.000 pazienti.

Nel 2009 è stata concessa a Pazopanib l'approvazione per il trattamento del carcinoma renale in fase avanzata. ( Xagena2012 )

Fonte: FDA, 2012


Onco2012 MalRar2012 Farma2012


Indietro