Farmaexplorer.it
XagenaNewsletter
Xagena Mappa
Medical Meeting

Ruolo potenziale di Odanacatib nel trattamento dell'osteoporosi


La catepsina K è un enzima chiave nella degradazione della matrice ossea organica da parte degli osteoclasti.
L’inibizione del riassorbimento osseo osservato in modelli umani e animali carenti di catepsina K ha identificato questo enzima come un obiettivo nel trattamento della osteoporosi.

Odanacatib è un inibitore selettivo non-basico della catepsina K con buoni parametri farmacocinetici come metabolismo in vitro minimo, emivita lunga e biodisponibilità orale.

In studi preclinici, modelli animali ovariectomizzati, trattati con Odanacatib hanno mostrato una notevole inibizione dei marcatori di riassorbimento osseo assieme ad aumento della densità minerale ossea ( BMD ).

Sono state osservate differenze significative negli effetti del trattamento con Odanacatib rispetto a quelli di altri farmaci antiriassorbitivi quali bisfosfonati e Denosumab.

Odanacatib ha mostrato effetti compartimenti-specifici sulla formazione dell'osso trabecolare versus corticale, con trattamenti che hanno comportato un marcato aumento della formazione di osso periostale e dello spessore corticale nelle scimmie ovariectomizzate mentre la formazione dell'osso trabecolare è stata ridotta.
Inoltre, gli osteoclasti sono rimasti vitali.

Gli studi di fase I e II condotti in donne in postmenopausa hanno mostrato che Odanacatib è sicuro e ben tollerato.

Dopo 5 anni, le donne che avevano ricevuto in modo continuativo Odanacatib 50 mg a settimana dall’anno 1 (n=13), hanno mostrato un aumento della densità minerale ossea, rispetto al basale, dell’11.9% a livello della colonna lombare, 9.8% a livello del collo del femore, 10.9% al trocantere dell'anca e 8.5% a livello dell'anca totale.

Inoltre, questi soggetti hanno mantenuto un basso livello del marcatore di riassorbimento osseo urinario telopeptide N-terminale / creatinina ( -67.4% rispetto al basale ) in 5 anni di trattamento, mentre i livelli sierici di fosfatasi alcalina osso-specifica sono rimasti solo leggermente ridotti rispetto al basale ( -15.3% ).

Nelle donne che sono passate da Odanacatib al placebo dopo 2 anni, i marcatori del turnover osseo sono transitoriamente aumentati e gli aumenti della densità minerale ossea sono risultati revertiti dopo 12 mesi senza farmaci.

Gli eventi avversi nel gruppo trattato con Odanacatib non sono stati significativamente differenti dal gruppo placebo.

In conclusione, i dati disponibili hanno indicato che l’inibizione della catepsina K potrebbe rappresentare un intervento promettente per il trattamento della osteoporosi.
Si attendono informazioni sulla efficacia a lungo termine della riduzione delle fratture e sulla sicurezza del trattamento prolungato con Odanacatib. ( Xagena2012 )

Ng KW, Clin Interv Aging 2012; 7: 235-247

Gyne2012 Endo2012 Farma2012


Indietro