Forum Infettivologico
Alliance Cicatrici
Farmaexplorer.it
Xagena Mappa

Pifeltro nel trattamento degli adulti con infezione da virus dell’immunodeficienza umana di tipo 1


Pifeltro, il cui principio attivo è la Doravirina, è un medicinale antivirale utilizzato per il trattamento degli adulti con infezione da virus dell’immunodeficienza umana di tipo 1 ( HIV-1 ), un virus che provoca la sindrome da immunodeficienza acquisita ( AIDS ).
Pifeltro è impiegato in associazione con altri medicinali antivirali.
Questo medicinale non è adatto per i pazienti con infezione da HIV resistente a medicinali appartenenti alla stessa classe di Pifeltro ( inibitore non-nucleosidico della trascrittasi inversa o NNRTI ).

Pifeltro è disponibile sotto forma di compresse ( 100 mg ). La dose raccomandata è di una compressa al giorno.

Il principio attivo di Pifeltro, Doravirina, è un inibitore non-nucleosidico della trascrittasi inversa. Doravirina blocca l’attività della trascrittasi inversa, un enzima che consente all’HIV di riprodursi nelle cellule che ha infettato.
Pifeltro aiuta a mantenere basso il livello di HIV nel sangue. Pur non curando l’infezione da HIV o l’AIDS, se usato in associazione ad altri antivirali, può ritardare i danni a carico del sistema immunitario e l’insorgenza di infezioni e malattie associate all’AIDS.

Gli studi hanno dimostrato che Pifeltro assunto con altri antivirali è efficace quanto i trattamenti di combinazione standard per l’HIV nel tenere sotto controllo l’infezione da HIV.
In uno studio condotto su 766 pazienti, l’83% dei pazienti che assumevano Pifeltro ( in associazione con Emtricitabina e Tenofovir disoproxil o Abacavir e Lamivudina ) aveva livelli non-rilevabili di HIV nel sangue ( inferiori a 40 copie/m ) dopo 48 settimane di trattamento. Tale dato va confrontato con il 79% dei pazienti che assumeva la combinazione standard di Darunavir e Ritonavir ( in associazione a Emtricitabina e Tenofovir disoproxil o Abacavir e Lamivudina ).
In un secondo studio condotto su 728 pazienti, l’84% dei pazienti trattati con Pifeltro in combinazione con Tenofovir disoproxil e Lamivudina aveva livelli di HIV non-rilevabili dopo 48 settimane rispetto all’80% dei pazienti ai quali era stata somministrata una combinazione di Efavirenz, Tenofovir disoproxil ed Emtricitabina.

Gli effetti indesiderati più comuni di Pifeltro ( che possono riguardare fino a 1 persona su 10 ) sono nausea e cefalea.

Pifeltro impiegato in associazione con altri antivirali è efficace quanto trattamenti di combinazione standard per HIV nel tenere sotto controllo l’infezione da HIV. Inoltre, gli effetti indesiderati di Pifeltro sono per lo più di intensità moderata.
Pertanto, l’Agenzia europea per i medicinali ( EMA ) ha deciso che i benefici di Pifeltro sono superiori ai rischi. ( Xagena2019 )

Fonte: EMA, 2019

Inf2019 Farma2019


Indietro