Farmaexplorer.it
XagenaNewsletter
Xagena Mappa
Medical Meeting

Kyprolis nel trattamento del mieloma multiplo in associazione a Lenalidomide e Desametasone o con il solo Desametasone


Kyprolis è un medicinale antitumorale impiegato in associazione a Lenalidomide e Desametasone o con Desametasone da solo per il trattamento del mieloma multiplo ( un tumore del midollo osseo ).
Trova indicazione negli adulti già sottoposti ad almeno una precedente terapia antitumorale. Kyprolis contiene il principio attivo Carfilzomib.

Poiché il numero di pazienti affetti da mieloma multiplo è basso, la malattia è considerata rara e Kyprolis è stato qualificato come medicinale orfano il 3 giugno 2008.

Kyprolis è disponibile sotto forma di polvere per soluzione per infusione ( flebo ) in una vena. Viene somministrato in cicli di trattamento di quattro settimane, nei giorni 1, 2, 8, 9, 15 e 16 di ciascun ciclo. Dal ciclo 13 in poi, le dosi al giorno 8 e 9 non vengono somministrate se Kyprolis è usato con Lenalidomide e Desametasone. La dose iniziale è 20 mg per metro quadrato di superficie corporea ( calcolata in base all’altezza e al peso del paziente ), che può essere aumentata se il medicinale è ben tollerato. Ciascuna infusione può durare dai 10 ai 30 minuti.
Potrebbe essere necessario sospendere il trattamento o ridurre la dose, se la malattia peggiora o se il paziente manifesta effetti indesiderati gravi.

Il principio attivo di Kyprolis, Carfilzomib, è un inibitore del proteosoma. Blocca l’attività del proteosoma, un complesso presente all’interno delle cellule che scompone le proteine che non sono più necessarie. Le cellule tumorali hanno maggiore necessità di produrre e scomporre le proteine perché si moltiplicano rapidamente.
Quando le proteine nelle cellule tumorali non vengono scomposte dal proteosoma, si accumulano all’interno delle cellule che alla fine muoiono, rallentando la crescita del tumore.

Kyprolis assunto con Lenalidomide e Desametasone è stato confrontato con Lenalidomide e Desametasone in uno studio principale condotto su 792 pazienti affetti da mieloma multiplo la cui malattia era peggiorata dopo il trattamento precedente.
Lo studio ha mostrato che Kyprolis è efficace nel prolungare il tempo medio trascorso prima di un nuovo peggioramento della malattia ( sopravvivenza libera da progressione ): i pazienti che hanno assunto Kyprolis con Lenalidomide e Desametasone sono sopravvissuti una media di 26.3 mesi senza che la malattia peggiorasse, rispetto ai 17.6 mesi dei pazienti che avevano ricevuto solo Lenalidomide e Desametasone.

Un altro studio su 929 pazienti affetti da mieloma multiplo la cui malattia era peggiorata dopo un precedente trattamento ha confrontato la combinazione di Kyprolis e Desametasone con Bortezomib e Desametasone.
Lo studio ha mostrato che la combinazione di Kyprolis e Desametasone è più efficace nel migliorare la sopravvivenza libera da progressione della combinazione di Bortezomib e Desametasone: i pazienti che assumevano Kyprolis e Desametasone sopravvivevano in media 18.7 mesi senza che la malattia peggiorasse, rispetto a 9.4 mesi per i pazienti che assumevano Bortezomib e Desametasone.

Gli effetti indesiderati più comuni di Kyprolis ( che possono riguardare più di 1 persona su 5 ) sono anemia ( bassa conta dei globuli rossi nel sangue ), stanchezza, diarrea, trombocitopenia ( bassa conta delle piastrine nel sangue ), nausea ( malessere ), febbre, dispnea ( difficoltà di respirazione ), infezione del tratto respiratorio ( vie aeree ), tosse ed edema periferico ( gonfiore, specialmente delle caviglie e dei piedi ).

Gli effetti indesiderati più gravi includono effetti tossici su cuore, polmoni e fegato, ipertensione ( pressione arteriosa elevata ), ipertensione polmonare ( pressione arteriosa elevata nei vasi sanguigni dei polmoni ), dispnea, insufficienza renale acuta, sindrome da lisi tumorale ( una complicanza dovuta alla distruzione delle cellule tumorali ), reazioni all’infusione, trombocitopenia, PRES ( una patologia cerebrale reversibile ) e TTP/HUS ( malattie caratterizzate da problemi della coagulazione del sangue ).

Il Comitato scientifico ( CHMP ) dell’EMA ( European Medicines Agency ) ha deciso che i benefici di Kyprolis sono superiori ai rischi.
Il CHMP ha rilevato la necessità medica non-soddisfatta nei pazienti affetti da mieloma multiplo che non rispondono più alle terapie disponibili. Ha ritenuto che l’aumento del tempo senza peggioramento della malattia osservato con Kyprolis fosse clinicamente significativo.
Quanto alla sicurezza, sebbene nel trattamento comprendente Kyprolis fossero stati osservati effetti indesiderati ( tra cui effetti gravi) , questi sono stati considerati accettabili e gestibili. ( Xagena2016 )

Fonte: EMA, 2016

Emo2016 Onco2016 Farma2016


Indietro