Alliance Cicatrici
Forum Infettivologico
Farmaexplorer.it
Xagena Mappa

Fattori di differenziazione tra gli agenti stimolanti la eritropoiesi nella anemia della malattia renale cronica


Gli agenti stimolanti la eritropoiesi ( ESA ) rappresentano una pietra miliare nella terapia della anemia nei pazienti con malattia renale cronica.
Sebbene siano disponibili diversi ESA per il trattamento della anemia renale, ogni nefrologo deve selezionare un singolo ESA per un singolo paziente.

Epoetina alfa ed Epoetina beta sono state utilizzate 1-3 volte alla settimana, ma anche un prolungato intervallo di dosaggio ogni 4 settimane è efficace nella grande maggioranza dei pazienti con malattia renale cronica.
Tuttavia, la dose di Epoetina necessaria per raggiungere o mantenere livelli target di emoglobina ( Hb ) aumenta notevolmente quando aumenta l'intervallo di dosaggio
La somministrazione sottocutanea di ESA a breve durata d'azione è più efficace rispetto alla via di somministrazione endovenosa.

La Darbepoetina alfa ( Aranesp ) e l’attivatore continuo del recettore per l’eritropoietina ( CERA ) ( Mircera ) sono stati sviluppati come trattamento per l'anemia ad intervalli di somministrazione prolungati ( ogni 2 settimane e ogni 4 settimane, rispettivamente ).
L’entità della dose per questi ESA a lunga durata d'azione è indipendente dalla via di somministrazione.

I brevetti dei farmaci stimolanti la eritropoiesi a breve durata d'azione sono scaduti, e questo ha permesso l’introduzione dei biosimilari.
I biosimilari della Epoetina approvati dall'Agenzia europea per i medicinali ( EMA ) o dalla Agenzia statunitense FDA ( Food and Drug Administration ) hanno dimostrato di avere una efficacia e un profilo di sicurezza comparabili al generatore.

Un allarmante aumento di aplasia eritroide pura ( PRCA ) in Thailandia con epoetine follow-on fabbricate in Asia ( ma anche prodotte in America Latina ) ha indicato la necessità di rigorosi iter di approvazione e di protocolli di farmacovigilanza per i farmaci stimolanti l’eritropoiesi, prodotti in Paesi non-nordamericani e nei Paesi europei non-UE.

Due casi di aplasia eritroide pura che si sono verificati con HX575 sottocutaneo ( 1 certo, 1 probabile ) hanno indicato che la probabilità che un prodotto possa risultare più immunogenico non è prevedibile, anche con una Epoetina biosimilare approvata secondo gli standard dell’EMA per i biosimilari.

Studi clinici di fase III con Peginesatide ( Omontys ), un ESA sintetico pegilato senza alcuna omologia con la Eritropoietina, hanno sollevato preoccupazioni per la sicurezza in pazienti con insufficienza renale cronica non-in-dialisi, ma non nei pazienti in dialisi. ( Xagena2013 )

Hörl WH, Drugs 2013; 73: 2: 117-130

Emo2013 Nefro2013 Farma2013


Indietro