Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Medical Meeting
Xagena Salute

Daratumumab associato a Bortezomib e a Desametasone: nuovo standard di cura nel mieloma multiplo


Un regime costituito da tre farmaci comprendente Daratumumab ( Darzalex ) può rappresentare un nuovo standard di cura nel mieloma multiplo recidivato.

Sono stati presentati i risultati dello studio di fase 3 CASTOR che ha coinvolto 498 pazienti con mieloma multiplo recidivato o refrattario che sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Daratumumab aggiunto a un regime a base di Bortezomib ( Velcade ) più Desametasone, oppure a un regime di due farmaci, Bortezomib più Desametasone.

Dall'analisi ad interim dopo un follow-up mediano di 7.4 mesi è emerso che era stato raggiunto l'endpoint primario rappresentato dalla sopravvivenza libera da progressione.

La sopravvivenza mediana libera da progressione non è stata raggiunta nel gruppo a tre farmaci contenente Daratumumab, a differenza del gruppo a due farmaci ( non raggiunta vs 7.16 mesi; hazard ratio, HR=0.39; P inferiore a 0.001 ). Ciò indica una riduzione del 61% del rischio di progressione o di mortalità.

Inoltre, con l'aggiunta di Daratumumab, i tassi di risposta sono raddoppiati.
Il tasso di risposta parziale molto buona nel gruppo a tre farmaci è stato del 59% e del 29% nel gruppo a due farmaci.
I tassi di risposta completa sono stati rispettivamente pari al 19% e al 9%.

La tossicità era in linea con quella precedentemente riportata con Daratumumab in monoterapia e con Bortezomib e Desametasone.
Gli eventi avversi che hanno interessato oltre il 25% dei pazienti nei gruppi a tre e a due farmaci sono stati: trombocitopenia ( 59% vs 44% ), neuropatia periferica ( 47% vs 38% ), diarrea ( 32% vs 22% ) e anemia ( 26% vs 31% ).

Eventi di grado 3/4 che hanno interessato più del 10% dei pazienti dei gruppi a tre e a due farmaci sono stati: trombocitopenia ( 45% vs 33% ), anemia ( 14% vs 16% ), e neutropenia ( 13% vs 4% ).

Le interruzioni correlate al trattamento sono state simili nei gruppi a tre e a due farmaci ( 7% vs 9% ).

Daratumumab è un anticorpo monoclonale umano IgG1k che si lega con alta affinità alla molecola CD38, che è altamente espressa sulla superficie delle cellule del mieloma multiplo.
Si ritiene che il farmaco induca la morte delle cellule tumorali attraverso apoptosi, nonché attraverso altri meccanismi immunomediati.

Daratumumab è il primo anticorpo monoclonale ad essere approvato per il mieloma multiplo da parte della Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA ( Food and Drug Administration ). ( Xagena2016 )

Fonte: Americn Society of Clinical Oncology ( ASCO ) Meeting, 2016

Emo2016 Onco2016 Farma2016


Indietro