Gastroenterologia.net
OncologiaMedica.net
Cardiologia.net
Mediexplorer

Reagila nel trattamento della schizofrenia nei pazienti adulti


Reagila è un medicinale antipsicotico che trova impiego nel trattamento della schizofrenia negli adulti.
La schizofrenia è una malattia mentale con sintomi quali delirio, pensiero ed eloquio disorganizzati, sospettosità e allucinazioni ( percezione o visione di cose inesistenti ).
Reagila contiene il principio attivo Cariprazina.

Reagila è disponibile in capsule ( 1.5, 3, 4.5 e 6 mg ) da assumere per bocca. La dose iniziale raccomandata è di 1.5 mg una volta al giorno. La dose può essere aumentata di 1.5 mg alla volta fino a un massimo di 6 mg al giorno.
Va mantenuta la dose efficace più bassa per il paziente.
Poiché può essere necessario del tempo perché si manifestino gli effetti del medicinale, i pazienti devono essere monitorati per diverse settimane dopo l’inizio del trattamento o la variazione della dose.

Il principio attivo contenuto in Reagila, Cariprazina, si lega ai recettori bersaglio nel cervello di due neurotrasmettitori chiamati dopamina e serotonina, utilizzati dalle cellule nervose per comunicare con le cellule vicine. Poiché la dopamina e la serotonina svolgono un ruolo nella schizofrenia, legandosi ai loro recettori, la Cariprazina contribuisce a normalizzare l’attività del cervello. Ciò riduce i sintomi della schizofrenia e impedisce che si ripresentino.

Gli studi hanno dimostrato che Reagila attenua i sintomi della schizofrenia e previene la loro ricomparsa.

In tre studi principali effettuati su 1 795 adulti in totale, Reagila è stato più efficace del placebo nel ridurre i sintomi, in base a una scala di valutazione standard denominata PANSS ( scala di valutazione della sindrome positiva e negativa ).
Il punteggio della PANSS, che va da un minimo di 30 ( nessun sintomo ) a un massimo di 210 ( sintomi più gravi ), era di circa 96 all’inizio del trattamento. Dopo 6 settimane, a seconda dello studio, il punteggio PANSS è sceso di 17-23 punti con Reagila rispetto a 9-14 punti con il placebo.
Un quarto studio principale effettuato su 461 pazienti che presentavano prevalentemente sintomi negativi ( come mancanza di stimoli, ripiegamento sociale e problemi di attenzione e memoria ) e solo pochi sintomi positivi ( come delusioni e allucinazioni ) ha mostrato che Reagila è stato efficace nel trattare i sintomi negativi: dopo 26 settimane di trattamento Reagila ha ridotto il punteggio PANSS per i sintomi negativi di circa 9 punti rispetto a circa 7 punti con un altro medicinale, Risperidone.
Infine, un quinto studio principale condotto su 200 pazienti ha dimostrato che Reagila è stato più efficace del placebo nel prevenire la ricomparsa dei sintomi dopo il trattamento iniziale.
Nell’arco di 72 settimane, i sintomi sono ricomparsi in un quarto dei pazienti che assumevano Reagila rispetto a circa la metà di quelli che assumevano placebo.

Gli effetti indesiderati più comuni con Reagila sono l’acatisia ( un impulso costante a muoversi ) e il parkinsonismo ( effetti simili al morbo di Parkinson come tremore, rigidità dei muscoli e lentezza nei movimenti ).
Gli effetti indesiderati sono per lo più di intensità da lieve a moderata.

Reagila non deve essere assunto contemporaneamente ad altri medicinali denominati inibitori o induttori forti o moderati del CYP3A4.

Oltre agli studi che hanno indicato che Reagila attenua i sintomi positivi della schizofrenia sia a breve che a lungo termine, uno studio ha dimostrato anche che il medicinale ha attenuato i sintomi negativi della malattia che hanno un forte impatto sulla qualità di vita dei pazienti.
La maggior parte degli effetti indesiderati è comune a quelli osservati con i medicinali antipsicotici e molti di questi possono essere trattati.
Pertanto, l’Agenzia europea per i medicinali ha deciso che i benefici di Reagila sono superiori ai rischi. ( Xagena2017 )

Fonte: EMA, 2017

Psyche2017 Farma2017


Indietro